Percorso

L’organizzazione CTG-Ciclo Team Gorgazzo, ha studiando e lavorato per delle belle novità sul tracciato 2018 che si snoda in parte sulle alture ad oltre 1000 metri di quota nella zona Pedemontana tra la centenaria Foresta del Cansiglio e il Piancavallo. Non mancheranno suggestivi passaggi tra le frazioni di Coltura, Polcenigo e Mezzomonte dove gli accompagnatori potranno tifare i “bikers Troi Trek” !!!

ATTENZIONE: l’edizione 2018 proporrà un solo percorso di circa 54 Km aperto ai soli tesserati, 20 Km sono rinnovati.

PERCORSO UNICO AGGIORNATO e GIA’ SEGNALATO

Traccia GPS consultabile su www.strava.com:
1a parte Percorso Granfondo Troi Trek
2a parte Percorso Granfondo Troi Trek

Quest’anno la “Via delle Malghe – Granfondo Troi Trek” propone un solo percorso di gara che vede anche l’innesto di alcuni tratti inediti. Il percorso, che misura 54 km presenta un dislivello dichiarato di poco superiore ai 1.680 metri. Sono ben 15 i km nuovi che i concorrenti dovranno percorrere lungo la dorsale Cansiglio-Piancavallo, con GPM situato sul Col della Gallina, al cospetto del gruppo montuoso del Monte Cavallo. Un percorso degno del pacco gara, e viceversa.
Dal 29 luglio il tracciato Troi Trek è già segnalato per le ricognizioni ed allenamenti (tranne alcuni sentieri su boschi privati).

ALTIMETRIA

CARTINA PERCORSO DI GARA GF TROI TREK

Link per scaricare cartina in formato pdf:
Traccia_ricognizioni_GF_Troi_Trek_2018_percorso_unico_54Km

 

Vista_Col_Dei_Scios_01
5_Panorama_GF-Troi_Trek_2016_Polcenigo_(PN)
L’inedito itinerario GRAN FONDO TROI TREK MOUNTAIN BIKE è un mix tra gran fondo e crosscountry e dopo i primi dieci chilometri tra le frazioni del comune di Polcenigo, inizia a salire di altitudine e si entrerà nel territorio del Comune di Caneva, Budoia per poi ritornare a Polcenigo.

Si scaleranno le carrarecce delle Prealpi, 900-1000-1100-1200 metri s.l.m. e oltre per arrivare al falsopiano tra pascoli e malghe. Sarà il Gruppo del Monte Cavallo con la vetta Cimon del Cavallo di 2.251 metri a dominare l’intera carovana dei bikers che chilometro dopo chilometro transiterà sulla dorsale Cansiglio – Piancavallo. La splendida vista sulla pianura Friulana e Veneta sarà solo uno dei motivi per scoprire e domare la 22^ GF Troi Trek ” la via delle Malghe “. Ma non sarà un itinerario di sola salita-discesa … c’è da divertirsi …prima …e dopo !!!

Con l’itinerario gran fondo Troi Trek scoprirete anche alcuni tratti di quelle che anticamente erano le uniche “strade” e quelle che sono sempre state le vie per il trasporto dei prodotti dalla pianura verso la montagna e viceversa. 0104_GF-Troi_Trek_2016_Polcenigo_(PN)La dorsale Cansiglio – Piancavallo: qualche novità, nuovi sentieri, per i biker della 21^ edizione.

0002_GF-Troi_Trek_2016_Polcenigo_(PN)

 

Si sale di altitudine. Se la giornata è limpida il panorama è stupendo: dai 700 metri la vista si apre verso la pianura.

0004_GF-Troi_Trek_2016_Polcenigo_(PN)

Dal golfo di Trieste alla laguna di Venezia ed oltre…
3_Panorama_GF-Troi_Trek_2016_Polcenigo_(PN)Lo sguardo verso la pianura Veneta: in lontananza ad oltre 200 chilometri si innalzano i Colli Euganei.

PRESENTAZIONE DELLA GF TROI TREK “La via delle Malghe”2018

La Troi Trek compie 23 anni.  Dal lontano 1996 … 

La società organizzatrice asd Ciclo Team Gorgazzo, con il patrocinio dei Comuni di Polcenigo, Budoia, Caneva e grazie alla disponibilità dei nostri irriducibili volontari ha già studiato e predisposto l’inedito tracciato intitolato Gf Troi Trek “La via delle Malghe” che, in occasione dell’edizione 2018, salirà in quota.

Si scaleranno le carrarecce delle Prealpi, 900-1000-1100-1200 metri s.l.m. e oltre per arrivare al falsopiano tra pascoli e malghe. Sarà il Gruppo del Monte Cavallo con la vetta Cimon del Cavallo di 2.251 metri a dominare l’intera carovana dei bikers che chilometro dopo chilometro transiterà sulla dorsale Cansiglio – Piancavallo. La splendida vista sulla pianura Friulana e Veneta sarà solo uno dei motivi per scoprire e domare la 22^ GF Troi Trek ” la via delle Malghe “. Ma non sarà un itinerario di sola salita-discesa … c’è da divertirsi …prima …e dopo !!!

… Polcenigo vi aspetta il 26 agosto 2018 con l’inedita GF Troi Trek ” la via delle Malghe “.
Foto_lama_GF_Troi_Trek_Mtb
PERCORSO DI GARA: gran fondo agonistica
NUOVA
Salita Range-Val delle Salere. Sarà la salita su sterrato a fare la prima selezione del gruppo. Subito dopo il via al 1° chilometro la strada sale dapprima con una pendenza iniziale del 4% per poi arrivare sino al 10% con lo strappo di Costa da Range. Svolta a destra (punto di controllo passaggio) e sempre su sterrato si sale verso Valle delle Salere a quota 360 m s.l.m. .

Discesa su strada sterrata a tratti impegnativa viste alcune cunette in cemento e 3 tornanti secchi (prestare attenzione). Siamo in comune di Budoia e ora inizia il sentiero con il taboga del Col Noseleit per circa 3 chilometri. Poi il sentiero delle Penedee-Rui de Brosa che porterà i concorrenti al passaggio su Via Gorgazzo verso la Piazza principale di Polcenigo in centro storico. (punto di controllo passaggi)

Centro storico di Polcenigo da Via Coltura a Via San Rocco. Passaggio nei pressi di Piazza Plebiscito, (14° Km) tra le strette vie e si affronta la salita su asfalto di 400 metri verso la chiesa di san Giacomo – Castello.

Suggessivo il transito sul ring in Piazza Plebiscito incitati e applauditi da decine e decine di spettatori.

Tecnica e abilità … la Troi Trek è anche questo.

7_Panorama_GF-Troi_Trek_2016_Polcenigo_(PN)

Passaggio in centro storico a Polcenigo. Siamo all’ 11° chilometro ed il tifo è assicurato.

Salita del Masaret – Lama di Som. Una volta giunti a Coltura dove sarà posizionato un punto di controllo passaggi, il bikers affronteranno la prima vera e propria salita di giornata. Si sale la carrareccia del Masaret per 5 Km con una pendenza media che si aggira attorno al 9%. Si uscirà sulla strada di Lama di Som a quota 610 metri di altitudine. Breve falsopiano di circa 800 metri e poi si ricomincia a salire. Siamo nel territorio comunale di Caneva. (punto di controllo passaggi)

Salita Lama di Som – Malga Pizzoc. Dopo il breve falsopiano su strada asfaltata si svolta a sinistra e si ricomincia a salire. Questo settore rappresenta il tratto più duro della gara. Pendenza massima del 24% su un tratto di strada dal fondo cementato. Siamo immersi nel bosco di faggi e nella parte terminale gli abeti anticipano la vista dei pascoli e della prima malga con M.ga Pizzoc a 999 metri di quota.

Malga Fossa di Sarone – Casera Folador. La prima parte della carrareccia presenta un fondo cementato; due tornati e poi spiana. Pendenza massima 17%. Segue un tratto in sentiero con passaggio nel bosco di abeti. Un breve falsopiano ci porta nei pressi della Malga Fossa De Bena nel territorio comunale di Polcenigo.

Malga Fossa De Bena (1040 m. s.l.m.). La malga è situata all’interno di una dolina, depressione carsica chiamata “fossa” nella parlata locale. Nella malga si possono degustare le produzioni aziendali per tutto il periodo di alpeggio, da giugno a fine settembre. Produzione di formaggi caprini del nostro Giovanni, conduttore della malga Fossa De Bena.

 Malga_Fossa_de_Bena_GF_Troi_Trek_Mtb Salita Col Scarpat – Casera Busa Bernard. Inizialmente la strada della Dorsale Cansiglio – Monte Cavallo è caratterizzata da tre sinuosi tornanti dal fondo cementato visto che la pendenza si aggira attorno all’11%. Si arriva alla Malga Costa Cervera a 1131 metri di quota. Seguono 600 metri di strada pianeggiante prima dello strappo in prossimità del Torion. L’ultima della salita inizia dopo la croce in legno che domina sulla destra verso la pianura Friulana. Siamo in prossimità della “Risina “, il canale scavato nella roccia creato per far scendere i tronchi di abete o faggio provenienti dal bosco del Cansiglio fino al fiume Livenza e di lì fatto defluire a Venezia. Il canale che scende dal Torion attraverso Crep de Varda fino a Coltura, scavato nella roccia nel primo tratto e formato poi da acciottolato, ha un percorso complessivo di circa 3300 metri con un dislivello di 1100 m. Fu fatto costruire intorno al 1836.

Malga Costa Cervera (1131 m. s.l.m.). La malga è situata in una piccola conca ai piedi del Col Scarpat e comprende anche i pascoli delle malghe Bos e Busa Bravin le cui strutture, da tempo abbandonate, non sono più riconoscibili. I pascoli sassosi caratterizzano la malga così come la presenza del ginepro. La posizione dei pascoli consente un’ampia visuale su tutto l’arco alpino friulano. In malga si possono comunque degustare le produzioni aziendali nei periodi da fine giugno a fine settembre. Le produzioni sono formaggio a latte vaccino, ricotta fresca ed affumicata. La malga è condotta da Celant Michele e Annalisa. Sarà un ottimo punto di ristoro durante le ricognizioni pre-gara.

Raggiunti i 1200 metri di altitudine siamo nei pressi del Col dei Scios, un vasto pianoro ondulato ricco di pascoli che deve il suo nome alla presenza di reperti fossili detti “s’cios”.

L’ambientazione cambia radicalmente, con un panorama che si apre verso sud offrendo una grandiosa vista sulla pianura veneta e friulana fino a scorgere il mare all’orizzonte.

Qui nei pressi della Casera Busa Bernard, la Baita degli Alpini di Polcenigo, ci sarà il ristoro e punto assistenza. Siamo al 25° chilometro di gara. La foresta del Cansiglio si trova a meno di un chilometro di distanza.

Salita Col Gallina – Strada Piancavallo. È l’ultima fatica in “quota” e poi ci aspetta la meritata discesa di quasi 6 chilometri. Tratto pedalabile su strada bianca in direzione Piancavallo. Pendenza media 4%. Tratto finale sulla carrareccia che si prende dopo 3 chilometri dal bivio per la Candaglia – Col dei Scios. È un settore su strada erbosa con vari saliscendi che portano alla strada di Val di Lama. Qui inizia la discesa su un tratto asfaltato. Curve e tornanti si susseguono in direzione Mezzomonte. Prestare attenzione per le cunette. NUOVI tratti in sterrato su sentiero.

0107_GF-Troi_Trek_2016_Polcenigo_(PN)

Single trek del Longiarezze . Il sentiero è uno dei punti più gettonati del circuito Troi Trek. È immerso nel bosco di castagni e acacie e porta sino alla strada forestale detta “strada vecchia” di Mezzomonte. Sentiero che nelle ultime edizioni è stato migliorato fino a renderlo scorrevole e divertente da guidare. Grazie al duro lavoro di “pala e piccone” dei ragazzi della società Organizzatrice Ciclo Team Gorgazzo si è aggirata la parte “difficile” della pietraia, tratto ostico ed insidioso in caso di pioggia soprattutto per i biker meno tecnici ed allenati. (punto di controllo passaggi)

Strada Tagliafuoco – Val Salere. Vecchia strada bianca che, dopo una breve salita cementata di 500 metri, porta alla Valle delle Salere (367 mt. slm) con la splendida vista sulla pianura Friulana. Discesa a tratti veloce per 3 chilometri sino a Val de Croda. Splendida è la vista del gruppo del Monte Cavallo che, con il Saùc a sinistra domina la vallata del Torrente Artugna. (punto di controllo passaggi)

Col Dei Noseleit – Dardago. Siamo in comune di Budoia ed è lultimo strappo della Troi Trek. Sono quasi 700 metri su strada forestale che porta alla sommità del Col Dei Noseleit. Discesa su sentiero a tratti tecnica da guidare ma non pericolosa. Nella parte finale si possono osservare dei muretti a secco, abilmente costruiti dai nostri avi, che costituiscono un’importante testimonianza di un paesaggio e di un modo di vivere l’ambiente pedemontano che ormai sta scomparendo.

Sentiero Rui De Brosa. Lambito l’abitato di Dardago, un paio di verdi prati precedono i veloci single trek che portano all’ ex pineta (ora quasi totalmente tagliata). Ultimi passaggi sempre in sottobosco e siamo ai meno 3 dal traguardo. Arrivo finale presso l’area attrezzata delle Scuole di Polcenigo.

Gli autori non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall’uso o dall’interpretazione delle informazioni divulgate sul sito e dei file e tracce GPS, si consiglia pertanto di non basarsi sui File GPS come unica fonte di guida.

0108_GF-Troi_Trek_2016_Polcenigo_(PN)
Il Ciclo Ciclo Team Gorgazzo ringrazia fin d’ora i comuni di Budoia, Caneva, Polcenigo, tutti i proprietari dei terreni privati, associazioni e volontari che hanno reso possibile l’itinerario della gara.
Banners_foto03

Commenti chiusi